AUTORIPARAZIONE – Tariffe 2022 per il soccorso stradale

Cliccando QUI si possono scaricare le tariffe 2022 per il soccorso stradale e la custodia dei veicoli, elaborata dalla commissione istituita da Confartigianato Autoriparazione sulla base degli indici Istat e delle dinamiche di mercato.

 

SPECIFICHE AL TARIFFARIO 2022

TIPO VEICOLO (1)

Identifica tutti i veicoli descritti al comma 1 dell’art. 54 secondo le classificazioni di cui al Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e sue successive modificazioni e integrazioni, e specificatamente alle lettere e), f), g), h) e i) comma 1 dell’art. 47.

Identifica tutti i ciclomotori ed i motoveicoli come descritti agli artt. 52 (ciclomotori) e 53 (motoveicoli) del Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e sue successive modificazioni o integrazioni, ovvero identificati alla categoria L della lettera a) comma 2 art 47.

 MASSA (2)

La “massa complessiva a pieno carico” è la somma della massa del veicolo a vuoto (tara) e del carico massimo trasportabile (portata), come indicato sulla carta di circolazione.

E’ ammessa una tolleranza del 5% del P.T.T. nel caso in cui il veicolo, in quanto merce non divisibile, fosse caricata sul pianale del carro-soccorso.

N.B. Il tariffario rimane invariato se il complesso composto da carro attrezzi + veicolo non supera il 5% del peso massimo ammesso per la circolazione su strada di quella categoria di veicoli.

FASCIA ORARIA (3)

(D) La tariffa diurna e/o feriale è valida in tutti i giorni lavorativi dalle h. 8.00 alle h.18.00: l’inizio dell’intervento fa riferimento all’orario di chiamata e su questo si basa l’applicazione della tariffa “diurno”, indipendentemente dall’ora di chiusura del servizio.

(F) La tariffa festiva è valida in tutti i giorni festivi di calendario e tutti i sabati: l’inizio dell’intervento fa riferimento all’orario di chiamata e su questo si basa l’applicazione della tariffa “festivo”, indipendentemente dall’ora di chiusura del servizio.

(N) La tariffa notturna è valida in tutti i giorni dalle h. 18.01 alle h. 7.59 del giorno successivo: l’inizio dell’intervento fa riferimento all’orario di chiamata e su questo si basa l’applicazione della tariffa “notturno”, indipendentemente dall’ora di chiusura del servizio.

TRAINO (4)

L’intervento comprende:

– uscita immediata del mezzo di soccorso, dalla sua sede al luogo di fermo del veicolo da soccorrere;

– tutte le operazioni, eseguite sulla base delle norme di sicurezza vigenti, per l’aggancio con barra fissa o semi-sollevamento mediante funi o forche e relativo bloccaggio;

– caricamento del veicolo sul pianale mediante verricello;

– ritorno in sede o trasferimento del veicolo a destinazione richiesta.

La tariffa include la percorrenza fino a 20 km A/R.

La tariffa all’interno delle aree metropolitane superiori a 1.000.000 di abitanti include una percorrenza fino a 10 km A/R.

Per lo sblocco del freno di sicurezza e/o lo stacco dell’albero di trasmissione degli autoveicoli con peso superiore alle 3,5 ton. (autocarri, autobus, trattori, rimorchi e semirimorchi) l’importo di tariffa oraria da richiedere è pari a €. 40,00 – fino ad un importo max di € 120.00.

USCITA SENZA TRAINO – DEPANNAGE (5)

La tariffa include la percorrenza fino a 20 km A/R oltre ad eventuali spese autostradali e si applica nei casi di:

– intervento per ripristino livelli carburanti e liquidi, escluso il costo dei materiali consumati;

– interventi per piccole riparazioni sul posto o riavvio del veicolo;

– nel caso di riparazione sul posto, più complesse ed eccedenti la prima ora, la tariffa non comprende i costi della manodopera e di eventuali ricambi.

TRAINO PROGRAMMATO O SECONDA USCITA (6)

La tariffa di traino programmato si attua nei casi di intervento in cui non è applicabile la normale tariffa di traino, in quanto l’uscita del mezzo non è immediata.

La tariffa di seconda uscita si applica in aggiunta ad un primo intervento di soccorso a seguito del quale il veicolo è stato ricoverato c/o la sede del soccorritore.

Alla suddetta tariffa va sommato il costo della percorrenza kilometrica A/R effettuata dal mezzo di soccorso ed eventuali spese autostradali.

RECUPERO VEICOLO (7)

L’intervento comprende la rimessa in assetto di marcia e posizionamento sulla carreggiata del veicolo con l’utilizzo di sistemi di trazione o sollevamento.

Per i veicoli di peso superiore a 3,5 Ton., il costo può subire valutazioni diverse a seguito di sopralluogo.

N.B. – La tariffa del recupero va sommata a quella del traino con barra o semi-sollevato o dell’uscita senza traino, per ognuno dei casi applicati.

(8). Per interventi su camper e furgoni voluminosi compresi nella fascia da 1,5 ton. a 3,5 ton.  le tariffe, nel rispettivo quadro, devono essere calcolate con una maggiorazione del + 20%.

(9). Gli autobus e i Mezzi d’Opera sono assoggettati alle tariffe da 12,01 ton. a 16,00 ton.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.